Come combattere l’ansia e lo stress

Dalla Rete: http://www.psicologionline.net/speciale-ansia-stress/ridurre-lo-stress

Fattori individuali, relazionali, organizzativi

 Elenco dei fattori individuali su cui è importante lavorare per ridurre lo stress:

  • Volersi bene e aver cura della propria salute
  • Migliorare la conoscenza di sé dei propri punti di forza e debolezza, le vulnerabilità
  • Conoscere il ruolo dei vari eventi di vita sullo stress personale ed essere consapevoli di come valutiamo ciò che ci capita
  • Risorse nell’affrontare la situazione (strategie di coping) orientate alla risoluzione del problema e sul controllo e sulla elaborazione dell’emozione
  • Apprendere l’ottimismo e il senso di iniziativa, apertura al cambiamento
  • I rimedi contro lo stress
  • Aumentare il senso di efficacia personale
  • Saper cercare appoggio quando è necessario
  • Tecniche di rilassamento (es. training autogeno)
  • Tecniche di gestione dei conflitti
  • Autocontrollo
  • Rivolgersi ad uno psicologo

Fattori relazionali da modificare per ridurre lo stress:

  • competenza comunicativa, comunicazione efficace
  • acquisire tecniche relazionali e saper stare nella relazione
  • superare le barriere comunicative
  • condividere con i colleghi degli spazi di parola in cui ci si possa auto-osservare, riflettere, accogliere ed essere accolti.

Interventi a livello organizzativo per ridurre lo stress:

  • Condividere la gestione del carico di lavoro con il gruppo
  • Partecipare attivamente al processo decisionale
  • Creare ed alimentare il senso di squadra
  • Riconoscere una ricchezza nella diversità: cogliere le potenzialità positive nell’incontro con gli altri
  • Migliorare la comunicazione e darsi obiettivi realistici
  • Crescita professionale, formazione continua
  • Rotazione ciclica delle mansioni
  • Utilizzare la consulenza di figure specialistiche
  • Riunioni di confronto in Equipe supervisionate
  • Diminuire il numero di allievi per classe
  • Analizzare la responsabilità dell’Istituzione e della società

Interventi sull’ambiente esterno per ridurre lo stress:

  • Rumore
  • Vibrazioni
  • Vapori e sostanze pericolose (polveri, gas)
  • Temperature elevate o basse
  • Trasporti di carichi pesanti
  • Posture scomode o stancanti
  • Affidabilità, idoneità e manutenzione delle attrezzature di lavoro
  • Orari di lavoro: turni, orari troppo lunghi o imprevedibili
  • Carico di lavoro eccessivo o ridotto
  • Monotonia o frammentarietà
  • Incertezza
  • Mancanza di attenzioni
  • Coltivare interessi al di fuori dal lavoro
  • Lavorare in compagnia di altre persone per non sentirsi soli e condividere lo stress

Importanza dei contatti sociali e delle amicizie

Importanza delle relazioni socialiLe relazioni soddisfano i fondamentali bisogni umani di affetto, contatto sociale e sicurezza, riducono i conflitti e le tensioni interpersonali e le conseguenze dello stress nocivo per la salute. Elementi importanti sono:

  • Dare supporto oltre che riceverlo
  • Ascoltare con attenzione l’altro ed utilizzare un atteggiamento empatico senza aver paura di esprimere il proprio calore
  • Esprimere liberamente le proprie opinioni in maniera assertiva e non aggressiva
  • Gestire in modo costruttivo i conflitti
  • Essere gentili, fare i complimenti (e sapere anche riceverli)
  • Riconoscere ed accettare i punti di forza e i limiti dell’altro, oltre che i propri

Altro punto chiave per sconfiggere lo stress è migliorare la comunicazione rendendola efficace:

  • Quello che diciamo, ma soprattutto come lo diciamo, ha un impatto sulle relazioni interpersonali, le quali possono divenire anche fonte di stress.
  • Comunicare accresce l’intimità e la premurosità nelle relazioni con gli altri. Comunicare accresce la probabilità che l’altro risponda con sensibilità.
  • È meglio utilizzare messaggi in prima persona, ossia esprimendo i propri sentimenti e bisogni attraverso il pronome personale “Io” evitando di inviare all’altro messaggi in seconda persona (meglio dire “Io mi arrabbio quando vengo interrotta…” piuttosto che “Tu mi fai arrabbiare…”).
  • Questo tipo di comunicazione ci fa assumere la responsabilità dei sentimenti e riduce le resistenze e gli atteggiamenti difensivi negli altri.
  • Ascoltare in modo accettante e non giudicante.
  • Passare dall’atteggiamento passivo a quello attivo.
  • Fare affermazioni chiare e dirette.
  • Usare un tono di voce calmo, cordiale e fermo. Mantenere il contatto oculare.
  • Usare una gestualità naturale. Mantenere una postura e un’espressione del viso rilassate

Molto spesso lo stress è causato dai nostri litigi e conflitti con gli altri. Ecco qualche utile consiglio per gestire i conflitti in modo efficace:

La tecnica del Problem Solving

1.   Definire il problema: Definirlo in modo preciso e trasformarlo in un obiettivo. Può essere utile suddividerlo in sotto-obiettivi.

2.   Elencare tutte le possibili soluzione senza commentarle: Evitare critiche e commenti. Usare la creatività.

Tecnica del problem solving - risolvere i problemi3.   Valutare vantaggi e svantaggi della soluzione: Esaminare i punti di forza e di debolezza di ogni proposta.

4.   Sscegliere la soluzione che si ritiene migliore: Risolverò il problema? Che conseguenze si avranno? Gli altri come reagiranno? Entrambi le parti in causa devono sentirsi rispettate.

5.   Fare un piano su come attuare la soluzione: Precisare chi deve fare cosa, quando e come si verificheranno i risultati.

6.   Verificare i risultati: Aiuta a rendersi conto del grado di risoluzione del problema (nessuna soluzione sarà mai perfetta). Permette di fare correzioni.

Responsabilità verso noi stessi e gli altri

Nell’ambiente lavorativo è utile avere responsabilità verso noi stessi e i colleghi:

 

Responsabilità verso noi stessi:

  • conoscere le proprie motivazioni: perché si è scelta questa professione?
  • conoscere i propri limiti (fallimenti, errori, antipatie, automatismi, bisogni) e i limiti del servizio (poco denaro, scelte non facili)
  • adeguare le proprie aspettative alla realtà (di se stessi, del servizio, degli utenti)
  • Non farsi sopraffare dai pensieri irrazionali controproducenti
  • Badare alla salute fisica
  • controllare lo stress stabilendo obiettivi chiari e precisi, programmando le strategie per raggiungere tali obiettivi
  • Realizzare con gradualità ciò che si è programmato
  • Gratificarsi per i risultati ottenuti
  • Coccolarsi e volersi bene
  • Programmare la propria crescita professionale e personale

 

Responsabilità verso i colleghi:

  • Usare rispetto e cortesia e comunicare in modo completo ed efficace
  • Ascoltare con attenzione ed empatia l’interlocutore
  • Essere attenti alla comunicazione non verbale
  • Essere attenti al contenuto emozionale del linguaggio
  • Essere chiari ed utilizzare esempi concreti
  • Mettere per scritto gli accordi raggiunti
  • Usare il feedback in modo efficace
  • Chiedere aiuto all’interlocutore se non si riesce a comunicare adeguatamente con lui;
  • Usare la comunicazione assertiva

Lascia un commento